DELEGA DI PAGAMENTO

DELEGA DI PAGAMENTO

Come ottenere il prestito delega

La Delega di Pagamento viene concessa ai dipendenti – sia pubblici che privati – che hanno già stipulato un prestito con Cessione del quinto ma vogliono ottenere una liquidita maggiore.
I richiedenti riceveranno una doppia cessione, un doppio quinto che sarà detratto mensilmente dalla busta paga.

Sappiamo che i motivi che potrebbero spingervi a richiedere un secondo prestito sono numerosi e tutti diversi. La necessità di liquidità, la somma necessaria a ripagare un guasto, ad iniziare un’attività.
A prescindere dal motivo non dovrete dichiarare l’utilizzo del denaro che vi verrà erogato attraverso il prestito. L’assicurazione richiesta dalla banca è la busta paga, una sicurezza mensile, sulla quale verrà detratto l’importo della rata concordata al momento della stipula.

A questo punto, vediamo insieme come richiedere la Delega e quali aspetti considerare per capire se è un’operazione conveniente e adatta ai vostri scopi.


Indice dei contenuti


Delega di pagamento: in cosa consiste?

La delega di pagamento si riferisce alla stipulazione di un prestito.

Viene anche definito “doppia cessione del quinto” o “doppio quinto“.
Difatti, si andrà ad aggiungere ad un prestito di cessione del quinto già esistente.
In più, rispetterà alcuni termini uguali, ovvero:

  • L’importo mensile delle rate verrà detratto direttamente dalla busta paga;
  • Non potrà mai superare il 20% del valore dello stipendio medio;
  • Non sarà necessario spiegare lo scopo per cui vengono richiesti i fondi;
  • La durata massima del finanziamento è di 120 mesi (ovvero 10 anni);
  • Dovrà essere stipulata una polizza a rischio d’impiego.

Trattandosi di una doppia trattenuta, per stabilire il valore mensile bisognerà tenere conto anche del primo prestito, in modo da assicurarsi che la somma dei due non superi il 40%.

Come funziona la Delega

La Delega di pagamento non può superare il valore del 20% di detrazione mensile. Lo stesso numero che vale anche per la Cessione del quinto.

Questo significa che per ottenere la delega bisogna assicurarsi che la somma dei due prestiti non superi il 40% del valore dello stipendio medio.
In generale, le detrazioni sulla busta paga non devono ma superare il 50%, così da assicurare un giusto compromesso tra le entrate e le uscite.

Prima di richiedere la delega tenete presente di questa caratteristica e quanto potrebbe essere trattenuto ogni mese.
Se volete richiedere un preventivo per essere sicuri, potete farlo direttamente sul sito consultando l’apposita sezione.

Differenza tra Delega di pagamento e Cessione del quinto

Come abbiamo già detto, la Delega di pagamento e la Cessione del quinto rispettano pressoché le stesse caratteristiche. Esistono sottili differenze, vediamo quali:

  • La sottoscrizione della Delega è subordinata al consenso da parte del datore di lavoro, nel caso dei dipendenti privati.
    I dipendenti statali dovranno aspettare l’accettazione da parte delle Amministrazioni degli enti pubblici per cui lavorano.
  • Dovendo sottoscrivere una seconda polizza assicurativa a rischio d’impiego.

Requisiti necessari per richiedere la doppia Cessione del quinto

I requisiti da rispettare non sono troppo complessi. Sarà necessario:

  • Essere un dipendente privato, statale o pubblico con contratto a tempo indeterminato;
  • Possedere una buona anzianità lavorativa;
  • Aver accomulato abbastanza TFR  nel caso di dipendenti di aziende private

Per ricevere un preventivo nel più breve tempo possibile, considerando tutte le vostre necessità e condizioni, vi basterà compilare l’apposita sezione del sito.

Documenti Delega di pagamento

I documenti richiesti per la stipula del prestito corrispondono a quelli presentati per la Cessione del quinto.
Il richiedente dovrà allegare:

  • Carta d’identità valida;
  • Codice fiscale;
  • Ultime buste paga;
  • Cud (certificazione unica);
  • Contratto attestante la cessione del quinto in atto.

L’azienda o ente pubblico dovrà fornire:

  • Il Certificato di stipendio (da cui ottenere il valore netto mensile dello stipendio);
  • Benestare.

Tempi di erogazione

I tempi di erogazione possono subire variazioni considerevoli, a seconda della rapidità del datore di lavoro ( o Amministrazione dell’ente pubblico) nel fornire i documenti necessari.
I passaggi che la vostra pratica dovrà superare sono i seguenti:

  • Raccolta di tutti i documenti – sia anagrafici che di reddito –
  • Delibera della pratica
  • Notifica del Contratto da parte della finanziaria o banca (pagante)
  • Rilascio del Benestare dell’azienda
  • Emissione della Polizza
  • Erogazione del prestito

In generale i tempi variano da un minimo di due settimane ad un massimo di quattro.

Come richiedere la Delega di pagamento

La richiesta può essere effettuata anche online. Potrete sfruttare il nostro stesso sito e valutare le alternative proposte.
Per ricevere un preventivo compilate l’apposita sezione ed un operatore vi risponderà il più in fretta possibile.

Rinnovo Delega di pagamento

Il Rinnovo può essere richiesto nel momento in cui si è arrivati a ripagare il 40% dell’importo totale e, se e solo se, il nuovo contratto non deve superare il limite imposto di 120 rate.

Per coloro che hanno contratto un prestito quinquennale (di 60 mesi) sarà possibile richiedere il rinnovo in qualsiasi momento, purché il nuovo prestito raggiunga la soglia dei 10 anni (ovvero 120 mesi).

Delega di pagamento e pignoramento

Esattamente come la Cessione del quinto, anche la Delega di pagamento è disponibile per cattivi pagatori, pignorati e protestati.

Potrete quindi richiedere il prestito se siete soggetti a pignoramento. L’unico aspetto da rispettare è che la somma delle tre detrazioni (delega, cessione e pignoramento) non superi il 50% del valore del vostro stipendio mensile netto.

Delega di pagamento per pensionati Inps

Purtoppo l’opzione della delega di pagamento non è disponibile per i pensionati Inps. Il motivo della non concessione è il rifiuto degli stessi enti pensionistici, che non accettano la stipulazione della delega.

Le alternative che si aprono difornte ai pensionati sono solo due:

  • Richiedere un prestito personale indipendente dalla pensione se non si è segnalati come cattivi pagatori;
  • Verificare se è possibile rinnovare la Cessione del quinto.

Normativa Delega di pagamento

La Delega di pagamento, così come la Cessione del quinto, è regolata dalla legge con D.p.r. n.180/1950.

La normativa stabilisce che, al momento della richiesta, l’interessato sarà sottomesso alla decisione del proprio datore di lavoro. Se accetterà il prestito, allora si potrà procedere tranquillamente.
Limita inoltre il valore dell’importo al 50% del netto dello stipendio e impone la sottoscrizione di una polizza assicurativa a rischio vita ed impiego.

In questo caso, se dovesse verificarsi un licenziamento, qualora il richiedente sia un dipendente di azienda privata verrà versato il Tfr accumulato per estinguere il debito residuo e se non dovessero bastare, interverrà l’assicurazione.

Navigando sul nostro sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi