Blog

Cessione del Quinto per pignorati

Come ottenere un Prestito Personale anche se si è stati Pignorati

Esistono delle condizioni preferenziali per richiedere un finanziamento, situazioni e requisiti ottimali che consentono di ricevere somme considerevoli in breve tempo.
Tuttavia, non è sempre possibile; ed è per questo che esiste la Cessione del quinto per pignorati.

In questo modo, coloro che si trovano ad affrontare una situazione di difficoltà (come poi è il pignoramento) possono comunque contare su una fonte di prestito attendibile e sicura. I tassi d’interesse restano bassi e fissi per tutta la durata, permettendo al richiedente di organizzarsi già in anticipo e sapere sempre quanto dovrà dare alla finanziaria.

La Cessione del quinto fa affidamento ad una busta paga, oppure sulla pensione. Difatti, è accessibile a tutti coloro che sono in possesso di un contratto a tempo indeterminato (o di una pensione), sia dipendenti pubblici che privati. Le rate mensili vengono detratte direttamente dalla busta paga (o dalla pensione), poiché il datore di lavoro si occupa di trasferire la percentuale alla banca.

Per avere una visuale più chiara vi consigliamo di compilare la sezione apposita del nostro sito dedicata ai preventivi, così da sapere in anticipo quanto potrete andare a spendere e che cifra potreste attenere.

Entriamo adesso nel dettaglio della Cessione del quinto per pignorati, partendo con il definire cos’è e come funziona la parte di richiesta.


Indice del contenuti


Cos’è la Cessione del quinto per Pignorati

Un Pignoramento è una richiesta di estinzione forzata di un debito. L’importo viene detratto direttamente dallo stipendio, o dalla pensione, e viene richiesto dal tribunale.

Sfruttando la Cessione del quinto il limite massimo che può essere detratto è il 50% dello stipendio; il 20% per ripagare il finanziamento fatto con Cessione e il restante 30% per ripagare il pignoramento.

Il datore di lavoro è incaricato di occuparsi del calcolo, in modo da capire come comportarsi. Se la somma di Cessione e Pignoramento supera il 50% allora per legge non può essere applicato. In questo caso il pignorato ha la possibilità di opporsi poiché quanto richiesto non rispetta i limiti imposti dalla legge.

Calcolo Cessione del quinto per Pignorati

Per rendere tutto più comprensibile vi proponiamo un esempio pratico, così da chiarire la situazione ed assicurarci che non abbiate dubbi.

In ogni caso, vi ricordiamo che per qualsiasi dubbio potete rivolgervi a noi oppure compilare l’apposita sezione nel sito dedicata alla richiesta di preventivi.

Tornando al esempio, immaginiamo di ricevere uno stipendio di 1800 € e avere un prestito con Cessione del quinto con rate mensili di 300 €.
Ora, la metà dello stipendio ammonta a 900 €, limite oltre il quale non può più avvenire alcuna detrazione. Se la Cessione del quinto occupa già un terzo della disponibilità (300 su 900), il pignoramento non potrà mai essere maggiore dei due terzi (ovvero 600 €).

Quindi, per calcolare l’ammontare del pignoramento con un prestito di Cessione del quinto già attivo basta sottrarre alla metà dello stipendio il valore della rata mensile del finanziamento.
Il numero ottenuto sarà uguale al massimo pignoramento possibile.

Cessione del Quinto con Pignoramento Attivo

E’ possibile richiedere la Cessione del quinto anche in caso di Pignoramento attivo.

Vanno ovviamente rispettate tutte le caratteristiche e le indicazioni sopra indicate, in modo da non superare il valore massimo del 50% dello stipendio.
E’ però importante valutare attentamente la situazione, poiché il processo potrebbe non essere rapido. Inoltre, diverse banche chiedono certificazioni aggiuntive, nel caso di un prestito troppo alto. Quindi preparatevi ad ogni eventualità ed ipotizzate anche un possibile garante che possa aiutarvi con la banca.

In ogni caso, è possibile richiedere un primo preventivo di direttamente sul nostro sito.

Pignoramento da parte di più Creditori

Il Pignoramento da parte di più Creditori è possibile, ma bisogna fare alcune precisazioni.

Le modalità di estinzione e di rimborso del debito dipendono strettamente dalle motivazioni che hanno spinto i diversi creditori a richiedere il Pignoramento.

Se le motivazioni sono diverse allora si può procedere in contemporanea, facendo attenzione affinché la somma di Cessione e pignoramento non superi il 50% del valore dello stipendio netto.

Al contrario, se la motivazione è la stessa è il tribunale a decidere in che ordine verranno ripagati i creditori. In ogni caso, il risarcimento riguarderà un singolo creditori per volta, così da dividere le spese il più equamente possibile.

Cessione del Quinto per pignorati

Pensione e Pignoramento

Nel caso specifico della Cessione del Quinto per Pignorati Pensionati, la situazione è leggermente diversa. Ciò che cambia è l’importo massimo sottraibile, che si rifà al minimo vitale; un valore imposto dallo stato annualmente che esprime la cifra necessaria alla sopravvivenza personale e non è pignorabile.

Ad esempio, se la pensione ammonta a 1500 €, ed il minimo vitale è 449,07 €, allora il pignoramento massimo arriverà a 300,93 €.

Navigando sul nostro sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi