Blog

Cessione del Quinto per dipendenti privati

Prestiti personali per i dipendenti privati

Se siete alla ricerca di un prestito personale conveniente, in grado di risolvere la vostra necessità di liquidità immediata, valutare la Cessione del quinto dello stipendio per i dipendenti privati è sicuramente una scelta intelligente.

In base alle necessità potrete scegliere di gestire le rate mensili da un minimo di 24 fino ad un massimo di 120, con la possibilità di estinguere il debito in qualsiasi momento.
Le cifre che potrete raggiungere sono considerevoli; si parla di circa 50.000,00 euro con eccezioni che arrivano anche più in alto.
Inoltre, la richiesta è effettuabile anche da chi è sottoposto a pignoramento o protesti, in modo che chiunque possa accedervi.

Se siete interessati a ricevere un preventivo potrete compilare il nostro modulo di contatto e vi contatteremo il più presto possibile, di norma entro 15 minuti.
Ora guardiamo nel dettaglio come funziona la Cessione del quinto per i dipendenti privati e che tipo di vantaggi vi offre.


Indice dei contenuti


Chi può richiederla

La Cessione del quinto dello stipendio per i dipendenti privati può essere richiesta da tutti coloro che risultano assunti presso una ditta privata con contratto di lavoro a tempo indeterminato.
Sarà infatti necessario essere in possesso di busta paga, dal quale verrà detratta ogni mese la percentuale di pagamento del debito (attenzione: non potrà mai essere detratto più di un quinto dello stipendio, il 20%).

In generale, sono ammesse tutte le ditte private Spa, Srl e Coperative. Accettate sono le industrie o enti privati, le scuole ed i luoghi di formazione privati, così come anche i Punti vendita di materie prime (es supermercati).

Requisiti per accedere alla domanda

Oltre al contratto di lavoro a tempo indeterminato esistono altri piccoli requisiti da rispettare per accedere alla cessione del quinto. Ecco quali:

  • E’ richiesta la residenza in Italia;
  • Carta d’Identità valida e Codice fiscale;
  • Anzianità lavorativa di almeno 6 mesi;
  • Benestare dell’azienda (certificazione di affidabilità);
  • L’azienda per cui si lavora deve essere formata da minimo 16 impiegati.

Per conoscere tutti i documenti legati richiesti per la domanda di cessione del quinto a dipendenti privati puoi consultare la nostra sezione apposita.

Calcolo Cessione del quinto dello stipendio per i dipendenti privati

E’ possibile richiedere un preventivo direttamente compilando il modulo di richiesta sul nostro sito.

Tuttavia, se volete provare a cimentarvi autonomamente vi riferiamo alcuni elementi fondamentali.
La prima cosa che vi servirà conoscere con esattezza è l’importo netto mensile del vostro stipendio e il valore dei TFR accumulati.
Dal calcolo del 20 % dello stipendio medio otterrete il valore massimo che vi potrà essere detratto. Al contrario, il valore massimo dipende dal TFR (come dicevamo prima) e dal livello di affidabilità dell’azienda.

Per calcolare l’importo netto mensile vi basterà moltiplicare il valore dello stipendio che ricevete ogni mese per 13 ( o 14, a seconda dell’impiego) e poi dividete il risultato per 12, così da avere il numero corretto.
A questo punto bisognerà dividere per 5, così da conoscere subito l’importo massimo delle rate mensili che potreste andare a pagare.

A chi rivolgersi per richiedere la Cessione del quinto dello stipendio

Sono abilitati a concedere questo tipo di prestito le banche, le società di intermediazione finanziaria e tutti i mediatori creditizi. E’ possibile richiedere un preventivo e fare richiesta per ricevere il finanziamento direttamente online. Potrete compilare anche subito la richiesta di preventivo nel nostro form di riferimento.

Cessione del quinto: Licenziamento

In caso di licenziamento il datore di lavoro verserà i TFR accumulati alla finanziaria e, se non dovessero essere sufficienti a coprire la somma, il resto verrà aggiunto dall’assicurazione.

A quale assicurazione ci riferiamo?
Prima di ottenere il prestito, il dipendente è tenuto a stipulare una polizza assicurativa a rischio d’impiego, il relativo costo è sostenuto dalla banca o finanziaria che eroga il prestito. Lo scopo è quello di tutelare il cliente e l’emittente in caso di licenziamento. A prescindere dal motivo dello stesso, l’assicurazione si accerterà di pagare la somma restante per saldare il debito.

Normativa Cessione del Quinto per dipendenti privati

Le normative che regolano la cessione del quinto per i dipendenti privati sono la 311/2005 e 80/2005.

Al loro interno è dichiarato che il dipendente privato in possesso dei requisiti ha il diritto di richiedere la cessione del quinto dello stipendio.
Una volta ottenuta, sarà compito del datore di lavoro trattenere l’importo della rata concordata dalla busta paga e poi trasmetterla alla banca o alla finanziaria di riferimento.

Navigando sul nostro sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi